Psicologa e Psicoterapeuta a Treviso

Contraddizioni e contrasti

Sono le contraddizioni, i contrasti, che rendono le persone uniche, multisfaccettate, poliedriche ed interessanti.

Non parlo di incoerenza rispetto ai propri valori e principi, mi riferisco a quei modi di essere, a quelle caratteristiche genuine e spontanee che spesso vengono celate, chiuse in un cassetto, assieme ad aspirazioni, sentimenti e desideri.

Talvolta le persone li nascondono perchè hanno vissuto ripetute delusioni, oppure non vogliono deludere le aspettative altrui comportandosi diversamente.

Ciascuno di noi, fin da bambino, ha assunto un ruolo all'interno della sua famiglia d'origine, che ripropone anche da adulto in altri gruppi e contesti (coppia, classe, amici, team di lavoro...) ad esempio: la "pecora nera", oppure l'ironico, il ribelle, l'estroverso, il timido, l'intellettuale, il creativo, il razionale, quello che "non piange mai", "quello che piange sempre"... Vi sono infiniti ruoli, che ci vengono attribuiti, spesso inconsapevolmente, a volte ancor prima della nostra nascita.

Questi comportamenti sono funzionali in quel contesto specifico ad esempio il figlio silenzioso, assume questa posizione rispetto al fratello (o un altro familiare) che invece parla sempre.

Esiste da sempre anche un altro sè che scalpita per uscire, apparentemente contrapposto a quello che da sempre indossiamo.

Quando scopriamo o semplicemente liberiamo il nostro vero sè, ci sentiamo meglio, una persona completa, felice ed appagata.

Le contraddizioni fanno parte di quel capolavoro che è la nostra storia, che è la nostra persona.